Si riapre il giallo Bergamini: indagata la fidanzata del calciatore

C’è una nuova svolta nella vicenda riguardante la scomparsa di Denis Bergamini, il calciatore del Cosenza morto nel 1989 in circostanze tutt’oggi poco chiare. È stata smentita l’ipotesi del suicidio: quest’ultima era stata sostenuta dalla fidanzata dello stesso Bergamini, unica testimone oculare dell’incidente in cui il calciatore perse la vita. La donna aveva raccontato che il suo fidanzato si buttò sotto un mezzo pesante in transito lungo la Ss 106 jonica, all’altezza di Roseto Capo Spulico. Tale versione oggi sembra non convincere più; tra l’altro non è mai stata ritenuta credibile dai familiari e dagli amici di Bergamini, nonostante la sentenza definitiva del 1992.
A distanza di anni si riapre il caso con un nuovo filone investigativo, che vede indagata la stessa fidanzata di Bergamini: si tratta di Isabella Internò, alla quale è stato notificato un avviso di garanzia e contro la quale si ipotizza il reato di concorso in omicidio volontario. La morte di Bergamini, dunque, pare sia collegata ad una vicenda privata.