Proposta shock in Ungheria: togliere la cittadinanza ai dissidenti

Non è ancora una proposta ufficiale, in quanto il governo non si è pronunciato. Ma è una spada di damocle sulla testa dei dissidenti. I dirigenti dell’Accademia delle belle arti ungherese propongono di togliere la cittadinanza agli scrittori non  allineati.
Il primo ministro Orban, per il momento, non commenta. Però, considerati i precedenti, se non ci sarà una reazione energica della comunità internazionale e, in particolare, dell’Unione Europea, quelle che oggi sembrano prese di posizione sterili potrebbero diventare realtà.