Politica e giustizia. Le inchieste scottanti

Una ondata di inchieste giudiziarie si è abbattuta sulla finanza, sulla grande industria e sulla politica. Ilva, Monte dei Paschi di Siena, Finmeccanica, Saipem, la sanità lombarda, il caso Rizzoli, l’indagine sul finanziere  Alessandro Proto sono, tutte, inchieste che potrebbero portare a sviluppi sensazionali e che, comunque, già oggi, hanno portato pesanti conseguenze sulla politica e sull’economia.
Il che non significa che i PM o i giudici vogliano condizionare la campagna elettorale Le inchieste sono state avviate da mesi e, a volte, da anni.E provvedimenti giudiziari clamorosi sono stati adottati anche molto prima dell’inizio della campagna elettorale. Basti ricordare lo scandalo della Lega Nord, il caso Fiorito e il caso Maruccio alla regione Lazio, le tante inchieste sulla regione Lombardia, le accuse all’ex Presidente della Sicilia Lombardo.
Gridare al complotto è ridicolo. Ancora più ridicolo è plaudire ad alcune inchieste (vedi MontePaschi) e denunciare le congiure dei giudici comunisti per altre (vedi condanna Fitto, incriminazione Formigoni, arresto di Alessandro Proto).