Milano, tangenti su case-vacanza del comune: tre arresti

Nuovi arresti nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione di case-vacanza per minori del comune di Milano. Tre gli imprenditori finiti ai domiciliari: si tratta di Sergio Grazioli, residente a Bergamo, Ivan Aureliano Montini, di Lumezzane (Brescia), e Ugo Amilcare Rossetti, residente a Caravaggio (Bergamo). L’inchiesta, per la quale ad ottobre erano scattati i primi quattro arresti, riguarda un giro di presunte irregolarità nei finanziamenti concessi dal comune di Milano, all’epoca della giunta Moratti, per case-vacanza per anziani e bambini. Nel mirino degli inquirenti vi è una cospicua somma di denaro: 150.000 euro. Secondo gli inquirenti, tale somma, attraverso complesse movimentazioni finanziarie non supportate da alcuna logica commerciale, sarebbe stata veicolata sui conti correnti delle rispettive società dei tre imprenditori, i quali avrebbero ottenuto, per la loro partecipazione, vantaggi ed utilità.