Los Roques, c’è una traccia: ritrovato un borsone

C’è una svolta nelle indagini sulla scomparsa, Venezuela, il 4 gennaio scorso, dell’aereo sul quale viaggiavano Vittorio Missoni, la sua compagna e una coppia di amici. Un borsone contenente attrezzatura da Kitesurf è stato ritrovato su una scogliera di Curacao, a 200 km da Los Roques, il luogo dove si è consumata la misteriosa tragedia. È quasi certo che il borsone era imbarcato sull’aereo di Missoni, del quale sono ancora in atto le ricerche. A trasportarlo sulla scogliera di Curaçao sarebbero state le correnti marine, mentre a ritrovarlo è stato un turista tedesco. Il “Corriere della Sera” racconta che il borsone apparteneva a un turista italiano, imbarcatosi su un altro aereo partito pochi minuti dopo quello di Missoni: il turista avrebbe chiesto di sistemare il suo borsone sull’aereo Islander Bn-2, perché sul suo non c’era più posto in stiva. Il ritrovamento del borsone rappresenta una prima traccia nelle indagini in corso, in virtù della quale sembra consolidarsi sempre più l’ipotesi che l’aereo si sia inabissato. Resta da capire ora per quale motivo: se per un’avaria al motore o se per una manovra sbagliata del pilota.