Il Tesoro emette titoli a 30 anni

La riduzione dello spread ha consentito al Tesoro di avviare un allungamento delle scadenze del debito pubblico che potrà essere molto utile al fine di stabilizzare i tassi. Nell’ambito di questo processo, il ministero si appresta a fare un passo significativo sul piano psicologico, anche se modesto sul piano quantitativo. Per la prima volta dopo l’inizio della crisi del debito sovrano, a metà febbraio, saranno emessi BTP a trenta anni.I BTP avranno scadenza 2040; quindi, la durata effettiva sarà di 27 anni.L’importo sarà compreso fra 1 miliardo e 1,75 miliardi di euro. C’è attesa per conoscere il prezzo al quale saranno collocati e i relativi rendimenti.