GUERRA AGLI OGM. IL CONSIGLIO DI STATO CONFERMA LA CORRETTEZZA DEL DECRETO DEL GOVERNO

Dopo il TAR anche il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso di un agricoltore del Friuli che aveva impugnato il decreto del governo che vieta la coltivazione di mais geneticamente modificato in Italia.
Soddisfatte le associazioni ambientaliste, Greenpeace e la Coldiretti che vede nel provvedimento una difesa del made in Italy e della qualità dei prodotti agricoli italiani.
L’agricoltore ricorrente ha dichiarato che ricorrerà alla Corte di Giustizia dell’Unione europea, anche se il percorso giuridico per chiedere una pronuncia della Corte europea è, nel caso specifico, piuttosto complesso.