GOVERNO LETTA: UN PROGRAMMA AMBIZIOSO, UNA MAGGIONZA FRAGILE

nicola-tranfaglia

L’OPINIONE

di Nicola Tranfaglia Ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Torino

Se si seguono, per lavoro o per diletto, i quotidiani europei dal francese e molto autorevole Le Monde al tedesco Die Tageszeitung al danese Jylands-Posten e ancora al quotidiano economico francese Les Echos al belga La libre Belgique e ancora al tedesco Suddeutche Zeitung e allo spagnolo El Pais si può cogliere  una sensazione non equivoca che, nei giorni scorsi, con toni e per così dire intenzioni differenti, è stato possibile trovare con chiarezza  su due quotidiani del nostro bel paese: la Repubblica di Ezio Mauro e il Fatto Quotidiano di Antonio Padellaro. Con differenze di tono e di accento – questo è chiaro – ma con giudizi che, nella sostanza, non sono poi così diversi.
Gran parte dei quotidiani europei – e in parte lo fanno anche il Fatto Quotidiano e  la Repubblica -prende atto di un elemento ormai evidente: se le elezioni del 24-25 febbraio 2013  hanno registrato la sorpresa del M5S di Beppe  Grillo che ha ottenuto milioni di voti non messi in conto da nessuno degli avversari, il dopo-elezioni ha segnato il ritorno di Berlusconi che – come ripete fino alla nausea, il nuovo vice-capo del PDL, l’economista veneto Brunetta – è in grado di staccare la spina quando vuole al governo Letta. 
Un governo imbottito dei suoi ministri a cominciare dal vice-presidente del Consiglio e  ministro dell’Interno (con il controllo dei servizi segreti, se si seguisse la prassi seguita nel settantennio repubblicano) Angelino Alfano e a finire con Gaetano Quagliariello, ammiratore storico di Charles De Gaulle. 

Ho seguito con attenzione da osservatore e sostenitore da sempre della coalizione di centro-sinistra la formazione del nuovo governo, voluto prima di tutto dal presidente Napolitano e poi dagli stati maggiori dei due maggiori partiti italiani e ho letto l’ambizioso programma che il presidente del Consiglio ha letto in parlamento ed è andato a spiegare nelle capitali straniere.
Il giudizio che mi viene spontaneo: ci vorranno alcuni anni, forse più di una legislatura per realizzarlo, sia perché la crisi economica non è stata ancora superata e non sappiamo quando sarà alle nostre spalle, sia perché gli interessi da battere o da conciliare saranno tutt’altro che fragili o deboli.
E c’è da chiedersi se il convitato di pietra che sorveglia il traffico, l’uomo di Arcore, interverrà quando saranno realizzate le riforme più importanti e significative o staccherà la spina appena sarà convinto che un nuovo scontro elettorale potrà esser vinto dal centro-destra di cui resta ancora il capo indiscusso.
Non è facile rispondere a un simile interrogativo per due ragioni essenziali. La prima è che il Partito democratico attraversa una crisi molto grave che non potrà essere  risolta in pochi giorni o settimane o attraverso un congresso straordinario come quello che si prevede nel prossimo giugno. Le posizioni interne sono particolarmente divaricate e la scelta del leader tutt’altro che scontata.
La seconda è che nel PD manca ormai una posizione chiaramente di sinistra o meglio si incarna nella posizione personale di Barca che sa di non poter rappresentare la maggioranza del partito e c’è quindi il rischio oggi come oggi di un tentativo di compromesso e di mediazione che non è facile da realizzare. Insomma, Berlusconi si troverebbe nelle prossime elezioni di fronte a un avversario attraversato da forti dissidi interni.
Di qui il vantaggio del leader populista e il pericolo costituito dal suo potere di staccare la spina. Mi auguro che il centro-sinistra, ovvero le forze che si oppongono al populismo berlusconiano, abbiano chiare le difficoltà attuali e sappiano come operare.