Fondi Pdl: il PM chiede 5 anni di reclusione per Franco Fiorito

Cinque anni di reclusione e interdizione perpetua dai pubblici uffici: è quanto chiesto dal PM Alberto Pioletti per l’ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, Franco Fiorito, in merito alla vicenda di peculato che lo vede protagonista. L’accusa per Fiorito è di essersi impossessato illecitamente di oltre un milione di euro, sottraendo questa somma dai fondi destinati al Gruppo regionale del Lazio. Lo scorso 18 aprile l’ex capogruppo pidiellino ha raggiunto una intesa con la Corte dei Conti, restituendo una parte della cospicua somma di denaro di cui si era impossessato: bisognerà attendere ora il 27 maggio prossimo per conoscere la sentenza del GUP circa la richiesta di reclusione e interdizione dai pubblici uffici presentata dalla Procura di Roma. Oltre a decidere della sorte di Franco Fiorito, giudicato con rito abbreviato, il GUP dovrà anche decidere della sorte dei suoi collaboratori, Bruno Galassi e Pierluigi Boschi, che hanno concordato il patteggiamento della condanna con il Pubblico Ministero Pioletti.