CasaPound esclusa in Marche, Umbria e Molise

La lista di CasaPound Italia non è stata ammessa alle elezioni nelle circoscrizioni di Marche, Umbria e Molise. La decisione è della Cassazione: il movimento neofascista aveva presentato ricorso , dopo l’esclusione decretata dagli uffici elettorali per 15 firme ritenute non valide, ma questo ricorso è stato respinto. Non si è fatto attendere lo sdegno dei responsabili del movimento: “Il clima di sciatteria, disinformazione e piccola prepotenza burocratica che circonda la nostra candidatura – ha commentato al riguardo Gianluca Iannone, presidente di CasaPounf Italia – è vergognoso. L’Italia è diventata davvero una repubblica delle banane dove tutto è possibile”. Le liste di CasaPound Italia sono state ammesse in 14 circoscrizioni alla Camera e 10 al Senato. La Suprema Corte ha invece riammesso le liste di Grande Sud-Mpa; Io Amo l’Italia (di Magdi Allam); Fratelli d’Italia -Centrodestra Nazionale (Fdi) e Partito Pirata.