Berneschi in carcere. L’immagine delle banche a pezzi.

L’ex Presidente di Banca Carige è stato trasferito in carcere perché dagli arresti domiciliari tentava di inquinare le prove.
Non è un buon momento per le banche, visto che non è il primo scandalo e che Berneschi era anche Vice presidente dell’ABI.
Il cui Presidente, non molto tempo fa fu costretto a dimettersi per un’altra inchiesta per fatti gravissimi che è ancora in corso.
L’art 26 della Legge bancaria dice che gli amministratori delle banche devono avere particolari requisiti di onorabilità per poter ricoprire o essere riconfermati nelle cariche societarie.
Berneschi non solo era presidente di banca CARIGE, ma era anche Vicepresidente dell’ABI.
Eleggere ai vertici della propria associazione di categoria personaggi in odore di inchieste giudiziarie devastanti è non solo eticamente sbagliato ma un vero e proprio autogol sul piano dell’immagine.
E per le banche l’immagine e la fiducia dei clienti è più importante del patrimonio di vigilanza.
Strano che i banchieri non siano consapevoli di questo principio semplice e, nel contempo, fondamentale.