Arriva l’elettroshock per smettere di fumare?

Smettere di fumare? Arriva l’elettroshock. Sarebbe questa, secondo uno studio effettuato dalla McGill University, la terapia vincente per far sparire il vizio del fumo. Niente cerotti alla nicotina e tanto meno sigarette elettroniche, dunque, perché per allontanare il desiderio di fumare si potrebbero applicare elettrodi al cervello. Si tratterebbe di un elettroshock delicato. La ricerca avrebbe localizzato le aree del cervello dove risiedono gli stimoli del fumo, azionati dalla semplice vista di un pacchetto di sigarette o dall’offerta da parte di un conoscente.
In una zona della corteccia prefrontale risiede proprio il controllo del desiderio legato al fumo. Una stimolazione magnetica attraverso elettrodi, secondo lo studio dalla McGill University, potrebbe rendere inattiva quella parte del cervello, e di conseguenza “spegnere” la voglia di una sigaretta.
Fin qui la notizia, che fa sorgere, però,una domanda sulla utilità di certe ricerche “originali”.
I ricercatori della McGill University credono veramente che ci sarà qualcuno disposto a sottoporsi a una terapia che inattivi una parte del cervello per togliersi il vizio del fumo?