Antisemitismo nella Capitale nel Giorno della Memoria

Nuovi slogan contro la Shoah proprio nel Giorno della Memoria, nato per ricordare la tragedia dell’Olocausto. È successo a Roma Capitale, nel quartiere Ostiense e in pieno centro al Colosseo: qui sono comparsi cartelloni e striscioni, che negano l’Olocausto ed offendono la comunità ebraica. Nello specifico, sono due i cartelloni negazionisti apparsi nel quartiere Ostiense, a piazzale della Radio, assieme ad uno striscione dello stesso genere e ampiamente antisemita appeso al Colosseo. Quest’ultimo recitava: “Al cospetto di nostro signore riceverete la nostra punizione. Israele boia”, utilizzando i caratteri tipici del ventennio.
Forte l’indignazione del sindaco Gianni Alemanno e della comunità ebraica, che si è scagliata contro i negazionisti  secondo i quali l’Olocausto non sarebbe mai avvenuto e il numero di sei milioni di ebrei uccisi sarebbe frutto di un’iperbole numerica. È impensabile, infatti, che dopo più di cinquanta anni vi sia qualcuno che voglia negare la tragedia che si è consumata durante la seconda guerra mondiale.