Allarme Ilo: al nostro Paese mancano 1,7 milioni di posti di lavoro

Nuovo allarme disoccupazione per il Belpaese. All’Italia servono circa 1,7 milioni di posti di lavoro, affinchè si possa riportare il tasso di occupazione ai livelli pre – crisi: a lanciare l’allarme è questa volta l’Ilo, organizzazione internazionale del lavoro, per la quale bisognerebbe incentivare soprattutto i posti fissi e non sostituire gli anziani con i giovani. A partire dal secondo trimestre del 2008, si legge nel rapporto Ilo 2013, l’economia italiana ha perso circa 600 mila posti di lavoro e, nello stesso periodo, la popolazione in età lavorativa è aumentata di circa 1,1 milioni. Dal 2007 il numero dei lavoratori italiani precari è aumentato di 5,7 punti percentuali e ha raggiunto il 32 per cento degli occupati nel 2012. Un aumento, quello dei lavoratori precari, secondo l’organizzazione internazionale del lavoro, dovuto anche alla riforma Fornero.