L’AUSTRIA LANCIA L’ALLARME: RISCHIO ATTENTATI IN UE TRA NATALE E CAPODANNO

Attentati di Parigi.

Allerta terrorismo alzata ai massimi livelli in tutte le capitali europee. L’allarme arriva dall’Austria e cade proprio nel giorno in cui il leader dell’Isis, Abu Bakr al-Baghdadi, torna a far sentire la sua voce in un messaggio audio e assicura che il suo califfato tornerà all’attacco quanto prima in Occidente. 
Secondo la polizia austriaca, che dice di aver ricevuto una “soffiata” da servizi segreti amici,  è altissima la probabilità che si verifichino attentati in una o più capitali europee tra Natale e Capodanno, con bombe o armi da fuoco.
È stato il portavoce della polizia austriaca, Christoph Poelzl, a riferire che le autorità hanno anche ricevuto i nominativi di parecchi potenziali terroristi, ma l’esame della lista e altre indagini non hanno portato finora ad alcun “ulteriore concreto risultato”.
È dagli attentati di Parigi dello scorso novembre che il pericolo terrorismo si mantiene elevato, ma questa volta l’avvertimento diramato dagli 007  fa riferimento a un livello di minaccia superiore rispetto a quello delle ultime settimane, anche se non è possibile identificare “minacce concrete in un posto specifico o in una data ora”. Inoltre, l’allarme austriaco arriva nel giorno in cui la procura di Sarajevo annuncia di aver sventato un attacco che puntava a uccidere almeno cento persone la notte di Capodanno. Proprio per questo la polizia austriaca ha chiesto a livello mondiale una ulteriore intensificazione dei controlli e delle norme di sicurezza.