ELEZIONI AMERICANE: A HILLARY IL SOSTEGNO DEL PRESIDENTE OBAMA E DI BERNIE SANDERS. TRUMP CAMPIONE DELL’ULTRA – DESTRA

HILLARY CLINTON

I candidati alle elezioni americane stanno preparando le strategie in vista delle elezioni di novembre. Dal ramo democratico, in particolare, Hillary Clinton serra le fila chiamando a raccolta i principali esponenti del partito. Il primo a correre in supporto della Clinton é stato il Presidente Obama, che la ha, di fatto, “incoronata”, promettendo il proprio sostegno alla candidatura. Altro appoggio è quello fornito dallo sfidante alle primarie, il senatore Bernie Sanders, appoggio particolarmente importante, in quanto porta alla Clinton i voti dell’ala sinistra del Partito Democratico, che è sempre stata fredda nei suoi confronti, considerandola troppo spostata al centro. 
Dall’altra parte invece Donald Trump prosegue nel suo spostamento a destra. La convention repubblicana di Cleveland, infatti, ha segnato il punto di arrivo della conversione conservatrice del miliardario. Trump ha ormai sposato in pieno i programmi della destra, presentandosi come il candidato dell’ordine e della sicurezza. Questa linea, però, potrebbe alla fine rivelarsi controproducente. Toni così accesi e duri, anche di fronte ai dissidenti dello stesso Partito Repubblicano, potrebbe infatti spaventare i moderati, spingendoli dalla parte della Clinton, che gode già del supporto delle minoranze, soprattutto dopo gli attacchi di Trump ai movimenti per i diritti civili. 
Molti osservatori ritengono che le elezioni americane si vincano con i voti degli elettori centristi e Hillary Clinton sembra in questo momento meglio piazzata per intercettarli. È possibile, però, che il candidato repubblicano si renda conto della precarietà della sua posizione e corregga il tiro moderando i toni in questa ultima fase di campagna elettorale.