16 maggio 2015
roberto maroni

LA LOMBARDIA IMPUGNA LA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI. LA CONSULTA SI PRONUCERÀ IN TEMPI BREVI

La Giunta regionale della Lombardia ha deciso di impugnare davanti alla Consulta la riforma delle banche popolari che impone l’obbligo di trasformazione in società per azioni a tutti gli istituti che superano gli otto miliardi di attivi. Spiace dover constatare che Maroni sia stato l’unico a prendere una posizione ferma contro una riforma che impoverisce il territorio e consegna alla grande finanza anche le ultime aziende di credito che sono al servizio dell’economia. Anzi, le penultime perché rimangono ancora, accanto alle Banche popolari più piccole, le banche di credito cooperativo. La nuova normativa non ha alcun senso sul piano economico.
15 maggio 2015
Corte costituzionale

PEREQUAZIONE PENSIONI, TESTO INTEGRALE SENTENZA CORTE COSTITUZIONALE

Man mano che passano i giorni dalla sentenza della Corte Costituzionale sulla perequazione delle pensioni aumentano le dichiarazioni di osservatori, costituzionalisti, politici e opinion makers desiderosi di togliere le castagne dal fuoco al governo anche a costo di diffondere notizie inesatte sulla decisione della Consulta.Dal momento che la sentenza, al di là dei formalismi giuridici, è molto chiara e comprensibile a tutti riteniamo di dare un contributo utile al dibattito pubblicando il testo integrale.Speriamo che la leggano anche quelli che si sono preoccupati di sapere e di diffondere i numeri della camera di consiglio (rendendosi responsabili, peraltro, di una grave […]
10 maggio 2015
David-Cameron

LA GRAN BRETAGNA FUORI DALLA UE. UN PROBLEMA NON ATTUALE E SOPRAVVALUTATO

Dopo la Grexit i giornali si sono scatenati nel fare ipotesi e costruire scenari, ovviamente apocalittici, sulla Brexit. E non è da escludere che le borse valori tra poco comincino a utilizzare l’argomento per le solite speculazioni al rialzo e  al ribasso che non hanno alcun fondamento nella economia reale. In effetti anche l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione è molto improbabile, così come è improbabile l’uscita della Grecia. Cameron ha promesso un referendum ai suoi elettori ma non è affatto sicuro che manterrà l’impegno.
8 maggio 2015
Corte costituzionale

PENSIONI, RISPETTARE LA SENTENZA DELLA CONSULTA. I PENSIONATI NON ACCETTERANNO COMPROMESSI

La sentenza della Consulta sulla perequazione delle pensioni ha scatenato una gara fra politici, costituzionalisti e opinion makers a ingraziarsi il governo cercando la soluzione meno costosa per le casse pubbliche e quella più penalizzante per i pensionati. Non vogliamo polemizzare con nessuno e non faremo nomi in quanto tutti hanno portato argomentazioni talmente banali che non meritano alcuna pubblicità gratuita. Vogliamo solo fissare alcuni punti fermi che sono indiscutibili. Punto 1. La sentenza riguarda tutti i pensionati e il governo non può fare nulla per ridurne la portata.