8 gennaio 2016
Sede INPS

PENSIONI IN RITARDO A GENNAIO. SERVE UNA DECISA MOBILITAZIONE DELLA CATEGORIA

Il ritardato pagamento delle pensioni relative al mese di gennaio è l’ennesima conferma che il clima dominante è pregiudizialmente ostile alla categoria.  L’aspetto più importante non è il giorno o i giorni di ritardo ma sono le modalità e le motivazioni dell’accaduto. L’INPS ha emanato un comunicato ufficiale per precisare che il differimento del pagamento è stato disposto da una legge e che l’INPS non ne ricava alcun vantaggio. Ma la spiegazione accresce i dubbi e le perplessità. La legge di cui parla la nota dell’INPS è un articolo inserito nel D. L. 65/2015 cui nessuno ha fatto caso in […]
5 gennaio 2016
Ayatollah Khamenei

CRISI FRA ARABIA SAUDITA E IRAN. STOP AI RAPPORTI DIPLOMATICI TRA RIAD E TEHERAN

È una guerra diplomatica a tutti gli effetti quella che si sta consumando tra Arabia Saudita e Iran in questi giorni. Uno scontro fatto di accuse reciproche, ma soprattutto di proteste e tensioni che coinvolgono l’intera Regione.  Sullo sfondo l’esecuzione di massa per terrorismo compiuta dall’Arabia Saudita: quarantasette condanne a morte, tra cui quella dell’influente imam sciita Nimr al-Nimrits, condannato da Riad con l’accusa, contestata dai suoi seguaci, di avere progettato e condotto attacchi terroristici, targati Al-Qaeda, diversi anni fa. Proprio l’esecuzione di quest’ultimo ha suscitato l’ira di Teheran, che ha minacciato l’Arabia Saudita di “cara e divina vendetta”.
4 gennaio 2016
Giorgio Benvenuto

GIORGIO BENVENUTO: DECRETO SALVABANCHE, RIFLESSIONI E PROPOSTE PER TUTELARE I RISPARMIATORI E IL SISTEMA CREDITIZIO

Matteo Renzi sulla sua scrivania a Palazzo Chigi dovrebbe mettere, come fece il Presidente degli Stati Uniti Harry Truman nel 1948, una targa con la scritta “The buck stops here” (il barile si ferma qui).Non è possibile, non è accettabile assistere allo scaricabarile tra Autorità di Vigilanza, Ministero dell’Economia, Parlamento, Organizzazioni del credito, Stampa, sull’ennesimo scandalo che investe il mondo bancario.Dopo la vicenda dei bond argentini, della Parmalat, del Monte dei Paschi, si è riproposta in queste settimane la vicenda del decreto Salva-banche per evitare il fallimento della Banca Marche, della Banca Etruria, della Cari Ferrara e della Cari Chieti.
2 gennaio 2016
Nello Formisano

LE PRIORITÀ INDICATE DAL PRESIDENTE MATTARELLA: LAVORO, LOTTA ALL’EVASIONE E MEZZOGIORNO

Il primo messaggio di fine anno del Presidente Mattarella è stato all’altezza delle aspettative. Il Capo dello Stato ha incentrato il suo discorso sui reali problemi degli Italiani senza indulgere ad argomenti politicisti che interessano il Palazzo ma sono fuori dalla mente della gente comune.  Il primo problema per i cittadini è la disoccupazione e il messaggio è stato, in parte preponderante, incentrato proprio sul tema. La tesi che emerge, in modo chiaro, dalle parole del Presidente è che la crescita di alcuni decimali di punto del 2015 e quella poco più sostenuta prevista per il 2016 non sono sufficienti […]