29 luglio 2016

ERDOGAN ALLA PROVA DELLA DEMOCRAZIA. SOFFOCARE IL DISSENSO E PERSEGUITARE GLI AVVERSARI NON È LA STRADA GIUSTA

La situazione in Turchia continua ad essere grave. La repressione del Presidente Erdogan, a seguito del tentativo di colpo di Stato, sta infatti creando una situazione difficile, fatta di arresti sommari o di licenziamenti di massa di esponenti dell’opposizione e della parte laica della società, considerati complici del golpe. Lo stato di emergenza inoltre consente la detenzione fino a trenta giorni senza che sia formulata una accusa, fornendo così al governo un potere di intimidazione incredibile. Apparentemente, la posizione di Erdogan, all’interno e all’esterno del Paese, sembrerebbe essersi rafforzata.
29 luglio 2016
Nello Formisano

NELLO FORMISANO (MODERATI DI CENTROSINISTRA), STAFFETTA GENERAZIONALE PER RILANCIARE L’OCCUPAZIONE GIOVANILE

“I dati positivi registrati dall’Istat in relazione al mondo del lavoro confermano quanto giusta fosse l’attenzione del Governo e delle forze politiche che, su questi temi, hanno prodotto proposte e iniziative”. Ad affermarlo, in una nota, è l’on. Nello Formisano, capogruppo alla Camera dei Moderati di centrosinistra, il quale conclude: “Se avessimo coraggio, forza e volontà di passare subito a una ‘staffetta generazionale’ strutturale, modificando quella parte della legge Fornero che impedisce ai lavoratori di andare in pensione con qualche anno di anticipo, due, al massimo tre, avremmo dato una risposta straordinaria ai giovani disoccupati del nostro Paese”.  
29 luglio 2016

LA COMMISSIONE UE CONDONA A SPAGNA E PORTOGALLO L’ECCESSO DI DEFICIT DI BILANCIO.

Cambio di indirizzo della Commissione Europea. L’Esecutivo di Bruxelles, nell’esame della situazione economica di Spagna e Portogallo, ha stabilito per i due paesi un percorso di risanamento ispirato a principi di grande flessibilità. I due Paesi iberici avevano superato il deficit previsto dalle norme comunitarie, col risultato di andare incontro alla procedura di infrazione fissata in questi casi.  La Commissione, tuttavia, ha deciso di proporre al Consiglio di non adottare nessuna sanzione a carico degli Stati responsabili di avere sforato i parametri.
29 luglio 2016
Jean Claude Juncker

LA COMMISSIONE UE CONDONA A SPAGNA E PORTOGALLO L’ECCESSO DI DEFICIT DI BILANCIO.

Cambio di indirizzo della Commissione Europea. L’Esecutivo di Bruxelles, nell’esame della situazione economica di Spagna e Portogallo, ha stabilito per i due paesi un percorso di risanamento ispirato a principi di grande flessibilità. I due Paesi iberici avevano superato il deficit previsto dalle norme comunitarie, col risultato di andare incontro alla procedura di infrazione fissata in questi casi.  La Commissione, tuttavia, ha deciso di proporre al Consiglio di non adottare nessuna sanzione a carico degli Stati responsabili di avere sforato i parametri.