1 maggio 2012
marò in india

MARÒ: BLOCCATO IL PAGAMENTO DELL’INDENNIZZO ALLE VITTIME

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dovranno rimanere dietro le sbarre almeno per altri 14 giorni. Non lascia presagire nulla di buono la nuova decisione del Tribunale di Kollam, che sul caso dei due marò italiani, con un rinvio dietro l’altro, continua a prendere tempo. Ma al di là della decisione, scontata, di prolungare il carcere preventivo di altre due settimane per i due nostri militari, la vera novità riguarda l’accordo extragiudiziale, con il quale il governo italiano e i familiari dei due pescatori uccisi in India erano riusciti, martedì scorso, a trovare un’intesa.
28 aprile 2012
berlusconi e pisanu

BERLUSCONI VORREBBE UNIRE I MODERATI. MA NON HA IL BACKGROUND ADATTO

Altro che “andare oltre il Pdl”. Berlusconi sa di essere in una situazione molto difficile, con i consensi che scendono di settimana in settimana e tenta l’ultima carta: unire i moderati. Sarebbe questo il concetto ribadito dall’ex premier a Giuseppe Pisanu, nel faccia a faccia consumatosi a Palazzo Grazioli. I due si sono incontrati dopo la mossa dell’ex ministro dell’Interno di mettere a punto un documento per una nuova forza politica, che in teoria, dovrebbe guardare oltre il Pdl,  per una nuova fase.Il Cavaliere, in altri tempi, avrebbe cancellato per sempre il ribelle.  
26 aprile 2012
i moderati

GIACOMO PORTAS DIFENDE I MODERATI DALL’ASSALTO DI BERLUSCONI

Silvio Berlusconi ci pensa da tempo. Cambiare il nome del PDL in Moderati potrebbe essere il colpo di scena capace di ridare slancio alle fortune politiche del suo partito oggi in pesante ribasso. Certo cambiare il nome non è tutto. Per diventare il partito dei moderati il PDL dovrebbe cambiare pelle, classe dirigente e, magari, anche leader, visto che Berlusconi in questi anni si è caratterizzato per gli eccessi, non certo per la moderazione.Ma il Cavaliere è sempre convinto che l’immagine viene prima di tutto. E, quindi, avrebbe già avviato l’operazione cambio di nome se non fosse che una forza […]
23 aprile 2012
Nello Formisano

CONTRO LA CRISI ACCELERARE UTILIZZO DEI FONDI EUROPEI PER IL SUD

Il governo Monti ha salvato l’Italia da una emergenza della quale tutti ricordiamo la pericolosità. A novembre il nostro Paese era sull’orlo del baratro, con lo spread che saliva a livelli insostenibili nonostante gli acquisti di titoli italiani da parte della BCE, gli altri paesi della UE che ci accusavano di  essere causa di pericolo per tutta l’area euro, le agenzie di rating e gli osservatori economici internazionali che vedevano il nostro paese come il principale candidato a uscire dalla moneta unica. Oggi, però, a distanza di cinque mesi dall’insediamento, al di là dei questi meriti indiscussi, non si possono non […]