24 gennaio 2013

Favori in cambio di sesso: Pm di Roma in manette

Corruzione, concussione e rivelazione di segreto in ufficio: sono queste le accuse che hanno fatto scattare le manette per il Pubblico Ministero Roberto Staffa, in servizio presso la Procura di Roma, arrestato questa mattina dai carabinieri romani. Le indagini sul suo conto erano partite in seguito alla segnalazione di alcune anomalie nei suoi comportamenti. Ad indagare è stata la Procura di Perugia, che ha dovuto prendere atto dei diversi reati commessi dal magistrato proprio in virtù della carica istituzionale ricoperta. Dalle indagini è emerso che Roberto Staffa avrebbe consumato alcuni dei rapporti sessuali, oggetto di scambi di favori, proprio nel […]
24 gennaio 2013

Fabrizio Corona si costituisce a Lisbona

Finisce a Lisbona, in Portogallo, la fuga dell’ex paparazzo dei vip Fabrizio Corona. La sua latitanza era iniziata venerdì scorso, dopo la conferma da parte della Cassazione di una condanna a cinque anni di reclusione per estorsione. Corona aveva fatto perdere le sue tracce e su di lui era scattato anche un mandato di arresto europeo. Scappato da Milano si era rifugiato a Lisbona, attraversando Francia e Spagna a bordo di un’automobile, credendo di potersi ritenere al sicuro. Alla fine ha deciso di costituirsi agli agenti di polizia portoghesi, forse perché braccato e in preda allo sconforto, dal momento che […]
22 gennaio 2013

La sentenza sul terremoto dell’Aquila. l mistero del verbale

C’è un mistero nella ricostruzione della riunione della Commissione Grandi Rischi che ha portato alla condanna degli esperti che rassicurarono gli abitanti de L’Aquila. La motivazione chiarisce, come era prevedibile e logico, che la condanna non deriva dalla incapacità degli esperti di prevedere il terremoto, ma dalle assicurazioni fornite alla popolazione senza alcun fondamento scientifico. Il tutto, però, poggia su un verbale della Commissione del quale a quanto pare, non esiste copia scritta, Forse in appello saranno opportuni ulteriori approfondimenti.  
22 gennaio 2013

La UE torna alle origini. allo studio una cooperazione rafforzata per l’energia

Forse non tutti ricordano che l’avventura europea è cominciata con la CECA, la Comunità europea del carbone e dell’acciaio. Se sarà approvata la proposta del governo francese si tornerà alle origini. Parigi avrebbe intenzione di avviare una iniziativa per una cooperazione rafforzata nel settore delle energie rinnovabili. Un settore strategico nel quale oggi predomina la Cina.Oggi come nell’immediato dopoguerra l’Europa ripartirebbe dall’energia.