24 gennaio 2013

Berlusconi sbugiardato dal Viminale: nessuna riduzione della scorta

Le verità di Berlusconi, come è noto, sono molto soggettive. Le ultime due perle. Il Cavaliere ha detto di essere stato pregato di non andare nelle piazze a fare campagna elettorale, per motivi di sicurezza. Ovviamente, non si sa chi lo abbia pregato. Poi ha accusato il governo Monti di avergli ridotto la scorta proprio quando, in vista della  campagna elettorale e dei comizi nelle piazze, la scorta sarebbe stata  necessaria più che mai.La notizia è falsa. A smentirlo questa volta è stato lo stesso Viminale, che emana un comunicato ufficiale.Non è stata ridotta in alcun modo la scorta. E […]
24 gennaio 2013

Italia, paese di furbetti: nel 2012 oltre 8.000 evasori

È tempo di bilanci, relativi all’anno 2012, in materia di evasione fiscale. A fornire le ultime stime è la Guardia di Finanza. Nell’anno appena trascorso sono stati smascherati ben 8.617 evasori, completamente sconosciuti al fisco che, da soli, hanno occultato 22,7 miliardi di euro. Numeri incredibili, ai quali vanno ad aggiungersi gli ulteriori 16,3 miliardi riferiti agli altri fenomeni evasivi: vale a dire le quasi 12 mila persone denunciate dai finanzieri per reati tributari, con oltre 5 miliardi di Iva evasa. O ancora, le circa 15 mila persone denunciate per aver percepito indebitamente indennità o agevolazioni di vario genere, con […]
24 gennaio 2013

Studenti Erasmus senza voto? L’Ateneo paga il viaggio

La Luspio, Libera Università degli Studi per l’Innovazione e le Organizzazioni, Università privata con sede a Roma, ha trovato una soluzione alla questione elettorale riguardante gli studenti Erasmus, che per motivi di studio si trovano fuori sede: qualora gli universitari Erasmus, iscritti a questo Ateneo, volessero tornare in Italia per votare il 24 e 25 febbraio, potranno farlo. Sarà la stessa Facoltà a farsi carico del rimborso spese e quindi a pagare il loro viaggio. Una decisione anomala, con la quale la Luspio vuole offrire ai ragazzi la possibilità di recarsi alle urne italiane a costo zero per le famiglie, […]
24 gennaio 2013

In Italia la laurea non basta per trovare lavoro

Una volta si aspettava di terminare i propri studi ed essere laureati, per poter ambire a un posto di lavoro di qualità. Oggi il famoso pezzo di carta non è più sufficiente a far sì che i giovani possano inserirsi nel mondo del lavoro, tanto meno di qualità. È così per sei giovani laureati su dieci, per i quali le referenze e l’esperienza pratica  valgono molto più di un titolo di studio per trovare lavoro. A fotografare la realtà dei giovani nel mondo del lavoro è una ricerca promossa dal Gruppo Sanpellegrino in occasione del Premio di Laurea Sanpellegrino Campus, […]