13 maggio 2013
nicola-tranfaglia

CASO MORO: DOPO 35 ANNI RIMANGONO I MISTERI

  L’OPINIONEdi Nicola Tranfaglia Ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Torino Era fatale che nei giorni intorno al nove maggio,a 35 anni esatti dall’assassinio di Aldo Moro gli italiani (o meglio alcuni di loro) ricordassero la tragedia politica centrale della repubblica e cercassero di capire come era potuto succedere e quale era il significato della storia.In questo senso il libro, appena uscito con le edizioni New Compton di Ferdinando Imposimato I 55 giorni che cambiarono la storia d’Italia  che attribuisce alla CIA ma, contemporaneamente, al KGB sovietico l’ordine di uccidere lo statista democristiano e che riprende accentuandola una tesi già […]
9 maggio 2013
nicola-tranfaglia

ALDO MORO E PEPPINO IMPASTATO: IL RICORDO COME MONITO PER IL FUTURO

L’OPINIONEdi Nicola Tranfaglia Ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Torino Il 9 maggio è una giornata particolare, se volessimo citare il titolo di quello che è stato uno dei film più belli di Mario Monicelli che era dedicato alla giornata romana del protagonista in una capitale deserta negli anni trenta  durante la dittatura fascista.Nello stesso giorno, infatti, si ricordano due  anniversari che hanno segnato momenti terribili della nostra storia recente, il nove maggio del 1978.Quel giorno, all’angolo tra via delle Botteghe Oscure, dove era la sede ufficiale del Partito Comunista Italiano e piazza del Gesù dove era la sede della […]
8 maggio 2013
nicola-tranfaglia

È IL DIVARIO FRA NORD E SUD IL PRIMO PROBLEMA DELL’ITALIA

L’OPINIONE di Nicola Tranfaglia Ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Torino Non è piccola la contraddizione che caratterizza l’Italia dei nostri tempi, quella che da fine febbraio ha cercato, con scarsa fortuna, di archiviare le elezioni del 24-25 febbraio 2013 e di far eleggere dalle due Camere, appena formate e già divise in tre gruppi di grandezza molto simile , un governo capace in modo rapido ed efficace di affrontare i problemi  strutturali  nella penisola.Se dovessimo individuare il problema per molti aspetti più urgente, dovremmo incominciare di sicuro  con il grave divario economico e civile  che divide il Nord dal […]
7 maggio 2013
nicola-tranfaglia

ANDREOTTI, UN PROTAGONISTA FRA POTERE E MISTERI

L’OPINIONEdi Nicola Tranfaglia Ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Torino E’ morto uno dei protagonisti della storia repubblicana. Di questo non possiamo dubitare se solo enumeriamo i titoli di cui ha potuto fregiarsi Giulio Andreotti nella sua lunga esistenza.Romano, segno del Capricorno, nato il 14 gennaio 1919, laureato in Giurisprudenza, avrebbe raggiunto tra sei anni il secolo di vita ma il destino o il Dio cristiano  ha voluto così.Sette volte presidente del Consiglio, cinque volte ministro degli Esteri, otto volte ministro della Difesa, sostenitore convinto dell’alleanza atlantica ma anche capo del governo delle astensioni nel 1978-79 con l’astensione del PCI […]