25 marzo 2012
asma assad

SIRIA: LE SANZIONI UE COLPISCONO LE DONNE DI DAMASCO

La comunità internazionale stringe ulteriormente la morsa sul regime siriano. I 27 ministri degli Esteri della UE, infatti, hanno varato una nuova tornata di sanzioni, che, questa volta, vanno a colpire le donne legate al presidente Bashar al-Assad: nella lista delle restrizioni compaiono così i nomi della moglie di Assad, la First lady siriana Asma, della madre, la potente Anissa, della sorella Bushra e della cognata. A tutte sarà vietato l’ingresso  nei Paesi Ue e saranno congelati i beni. La delibera UE colpisce anche il ministro dell’Elettricità e quello dell’Amministrazione locale, cinque sottosegretari, un uomo d’affari e due società siriane. […]
25 marzo 2012
Manifestazione contro abolizione art. 18

NUOVE NORME SUI LICENZIAMENTI – ELIMINARE LE CONTRADDIZIONI

Alla fine Monti si è arreso. Anche se i comunicati ufficiali continuano a dire che sull’art. 18 non cambia nulla, in realtà con la formula del “salvo intese” e con il ricorso al disegno di legge ha aperto la strada a modifiche  che potranno rendere accettabile la nuova disciplina anche ai lavoratori e ai sindacati.Un passo avanti ufficiale, in realtà, l’esecutivo lo ha fatto già, in quanto il comunicato ufficiale dice al 2° capoverso “Al fine di evitare la possibilità di ricorrere strumentalmente a licenziamenti oggettivi o economici che dissimulino altre motivazioni, di natura discriminatoria o disciplinare, è fatta salva […]
23 marzo 2012
Kofi Annan

SIRIA: KOFI ANNAN METTE D’ACCORDO TUTTI

Non si tratta di una risoluzione, tantomeno di un ultimatum, ma il documento  approvato dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu, con il quale si offre pieno appoggio al piano di Kofi Annan, rappresenta di sicuro un importante passo avanti. Se non altro lo è da un punto di vista diplomatico, dal momento che, forse per la prima volta, c’è stata unanimità. Russia e Cina, che ad oggi hanno sempre cercato di difendere il regime di Damasco ponendo una serie di veti uno dietro l’altro, questa volta non si sono opposte.
23 marzo 2012
Presidente Monti e ministro Fornero

CON IL NUOVO ART. 18 VINCONO SOLO GLI AVVOCATI

Premesso che ad oggi non c’è ancora un testo scritto e che potremmo scoprire una realtà diversa al momento di leggere i provvedimenti sulla Gazzetta Ufficiale, al momento le modifiche all’art. 18 non appaiono tali da giustificare il violento scontro in atto.Ci sono tre tipologie di licenziamenti: licenziamenti discriminatori, licenziamenti disciplinari e licenziamenti economici.Per i licenziamenti discriminatori non cambia niente. Sono nulli e il giudice non può che ordinare il reintegro dei dipendenti.Per i licenziamenti disciplinari, con la vecchia normativa il lavoratore poteva scegliere fra il reintegro e un indennizzo pari a quindici mensilità, oltre al risarcimento del danno.Con la […]