25 marzo 2016
GIULIO-REGENI

L’EGITTO TENTA DI CHIUDERE IL CASO REGENI: BANDA DI LADRI DIETRO LA SUA UCCISIONE. MA L’ITALIA NON ACCETTA LA MESSA IN SCENA

Secondo le autorità egiziane ad uccidere Giulio Regeni sarebbero stati cinque rapinatori nel tentativo di derubarlo. Si tratterebbe di una banda criminale, i cui componenti, camuffati da poliziotti, erano soliti aggredire e sequestrare stranieri per poi rubare loro il denaro. Nel caso di Regeni la rapina si sarebbe conclusa con la sua morte, perché il giovane ricercatore italiano avrebbe reagito. I cinque criminali, stando a quanto affermato dal ministero dell’Interno egiziano, sono rimasti uccisi in uno scontro a fuoco con gli agenti, durante la fase del loro arresto.
24 marzo 2016
Ignazio Messina

MAFIA: MESSINA (ITALIA DEI VALORI), PROPOSTA DI LEGGE PER CORRUZIONE AGGRAVANTE ASSOCIAZIONE MAFIOSA

Una proposta di legge che intende inserire nel Codice penale la corruzione definendola quale aggravante dell’associazione di stampo mafioso, nonché escludendola dal giudizio di comparazione con le attenuanti, sarà presentata dall’Idv. “Noi di Italia dei Valori riteniamo che la lotta alla corruzione e a tutte le mafie sia la battaglia prioritaria che il nostro Paese deve condurre, dotandosi di tutti gli strumenti legislativi necessari. Questa nostra proposta intende anche tradurre in atti concreti quanto sostenuto a più riprese dal procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti per il quale, quando la corruzione si incrocia con la criminalità organizzata, diventa un altro ramo […]
23 marzo 2016
Matteo Salvini

SALVINI DOPO AVERE MESSO IN CRISI IL CENTRODESTRA GUARDA A GRILLO. MA I CINQUE STELLE NON ABBOCCANO

Guardando la situazione secondo i canoni tradizionali, Salvini, nella vicenda delle candidature, ha assunto un atteggiamento non molto razionale. Il leader del Carroccio aveva già acquisito un ruolo di preminenza nella coalizione di Centrodestra. Berlusconi glielo aveva riconosciuto implicitamente almeno da un anno andando a Bologna a una manifestazione della Lega in cui era stato anche fischiato.  La scelta di Bertolaso non contraddiceva tale ruolo. L’ex responsabile della Protezione Civile aveva accettato solo dopo che sul suo nome si era manifestato un esplicito consenso congiunto di Berlusconi, Salvini e Meloni. Consenso che Salvini ha ritirato nello spazio di pochi giorni, […]
23 marzo 2016
bruxelles-attentato alla metropolitana

STRAGE JIHADISTA A BRUXELLES. CONTRO L’ISIS È URGENTE AVVIARE UNA EFFICACE POLITICA DI SICUREZZA A LIVELLO UE

Anche Bruxelles finisce nel mirino degli attentati terroristici rivendicati dall’Isis. Dopo la vittoria incassata con l’arresto del super latitante Salah Abdeslam, tra i principali responsabili della strage di Parigi,l’Europa ripiomba nuovamente nell’incubo terrorismo. A poche ore dalla duplice esplosione di Bruxelles, gli interrogativi sono tanti. La concomitanza tra l’arresto di Salah, uno dei tre jihadisti ricercati per la strage del Bataclan, e le nuove esplosioni a Bruxelles fa ipotizzare due scenari possibili: da un lato la vendetta dei superstiti della cellula nata e cresciuta a Molenbeeck, come dimostrazione della forza di un gruppo che sembra invincibile, dall’altro l’ultima azione messa […]