22 luglio 2012
alcide de gasperi

MONTI RICHIAMA DE GASPERI: PENSARE ALLE GENERAZIONI FUTURE

  di Ettore Nardi Sicuramente il Presidente Monti ha fatto degli errori. Magari, ha accettato troppi condizionamenti. Le riforme della Fornero non sono state né gradite, né capite dagli italiani. La speculazione ha continuato ad aggredire il nostro Paese. Lo spread fra i Btp e i Bund è tornato a 500  punti. Ma Monti, al di là dei risultati, ha segnato una svolta, sul piano antropologico che, ci auguriamo,  lasci una traccia permanente nel nostro Paese. La differenza fondamentale fra Monti e i politici che lo hanno preceduto è culturale prima ancora che politica. La differenza sta nella frase che […]
21 luglio 2012
Sergio Marchionne

FIAT: CONTRO LA CRISI RINNOVARE LA PRODUZIONE

Con la messa fuori produzione di Idea e Musa la crisi produttiva della Fiat fa un altro passo in avanti. Dopo le mirabolanti promesse di Marchionne che aveva parlato di miliardi di investimenti e di nuovi modelli, si registrano arretramenti in tutti gli stabilimenti italiani sia sotto il profilo produttivo che occupazionale. Dei nuovi investimenti si è visto ben poco o quasi nulla. E l’occupazione continua a ridursi. Non è servita a nulla la guerra ai sindacati, l’uscita della Fiat da Confindustria, il nuovo contratto dell’auto, l’espulsione della FIOM dalle fabbriche. Certo, l’industria dell’auto è un’industria matura e tutte le […]
19 luglio 2012
Giorgio Squinzi

“DESAPARECIDO” IL PIANO GIAVAZZI SUGLI INCENTIVI E SUI TRASFERIMENTI ALLE IMPRESE

  di Andrea Daniro Diceva Andreotti: “A pensar male si fa peccato. Però, spesso, ci si azzecca”. Andreotti, ormai, appartiene alla storia d’Italia. Però, la sua filosofia  è ancora attuale. L’ultimo caso a cui potrebbe applicarsi è lo scontro violento fra il Presidente della Confindustria Giorgio Squinzi e il Presidente del Consiglio Mario Monti.La settimana scorsa Squinzi, attaccò, con  aggressività inusitata per un presidente degli industriali, il governo accusandolo di “macelleria sociale” e, per di più, dando un voto al Presidente Professore fra il 5 e il 6. La cosa era tanto più anomala perché la materia del contendere era […]
18 luglio 2012
Nello Formisano

CONFLITTO DI ATTRIBUZIONE: APPLICARE I PRINCIPI DELLA COSTITUZIONE

di Nello Formisano La decisione del Presidente Napolitano di sollevare conflitto di attribuzione nei confronti della Procura di Palermo per la mancata distruzione di intercettazioni di conversazioni telefoniche del Capo dello Stato, effettuate su utenza di altra persona, non può non essere pienamente condivisa.La irresponsabilità del Presidente della Repubblica è uno dei punti fondamentali della nostra Costituzione  ed è sancita in modo rigoroso dall’art. 90 della Carta.È una guarentigia fissata non a tutela del Quirinale, ma a garanzia della indipendenza della suprema magistratura dello Stato e dell’equilibrio fra i poteri di cui il Presidente è garante.Il divieto assoluto di intercettazioni […]