19 aprile 2013
Nello Formisano

QUIRINALE, FORMISANO (CD): CHIEDERE ULTERIORE SFORZO A NAPOLITANO

“Credo che i grandi elettori, in un sussulto di orgoglio, domani debbano votare Giorgio Napolitano. Conosco bene il pensiero dello stesso presidente sull’argomento, ma credo di poter ritenere anche che lo spirito di servizio, che ha animato la sua lunga militanza politico-istituzionale, e di cui la sua vita è perfetta interprete, potrebbe metterlo in condizione di fare un’ulteriore valutazione in tal senso”. Ad affermarlo, è l’on. Nello Formisano (Cd), deputato del Centro Democratico, il quale aggiunge: “Credo, inoltre, che ciò debba essere una scelta unilaterale del Parlamento.  
18 aprile 2013
nicola-tranfaglia

ERRORE DELLA SEGRETERIA DEL PARTITO DEMOCRATICO. L’INTERLOCUTORE NON PUÒ ESSERE BERLUSCONI

  L’OPINIONE di Nicola TranfagliaOrdinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Torino Ci sono due constatazioni urgenti il giorno in cui le Camere si riuniscono, a cinquanta giorni dalle elezioni del 24-25 febbraio 2013, ed è il caso di farle subito a scanso di equivoci.Il partito democratico, che è quello che ha avuto maggiori suffragi nelle ultime votazioni, aveva senza dubbio il peso e l’onere di indicare un candidato sul quale far convergere il consenso dei suoi possibili alleati, come dei suoi avversari non in grado di dire di no.E aveva, dopo la campagna elettorale che si è sviluppata sui […]
16 aprile 2013
nicola-tranfaglia

STRAGE DI CAPACI IN CUI FU UCCISO GIOVANNI FALCONE: OTTO NUOVI ARRESTI

L’OPINIONE di Nicola TranfagliaOrdinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Torino Venti anni dopo la strage di Capaci in cui il 23 maggio 1992 persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e  i cinque agenti della scorta –  sulla base delle dichiarazioni di  alcuni collaboratori di giustizia, come Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina – con perquisizioni svolte in varie città italiane, grazie all’indagine condotta dal procuratore nisseno Sergio Lari e dal procuratore aggiunto Domenico Gozzo, sono state notificate ordinanze di custodia cautelare in carcere a otto persone già detenute. Tra i colpiti dal provvedimento ci sono Salvo Madonia, capo della […]
14 aprile 2013
Silvio Berlusconi

QUIRINALE: BERLUSCONI PREFERISCE UN “COMUNISTA” AL DEMOCRISTIANO PRODI

Una delle tesi di Berlusconi è che, “dopo quattro Presidenti di sinistra è necessario eleggere un moderato alla Presidenza della Repubblica”, per un principio di alternanza.Come sempre, Berlusconi, nelle sue teorizzazioni mischia cose vere a cose false, in modo da confondere le idee ai suoi interlocutori.Nel caso di specie, il principio è condivisibile perché il Capo dello Stato rappresenta l’unità nazionale e deve rappresentare tutti gli italiani. Invece, è falso che ci siano stati quattro Presidenti di sinistra.Il principio della alternanza al Quirinale è stato sostanzialmente seguito con una certa continuità, anche se senza rigidità, nella storia dell’Italia repubblicana.L’alternanza, in […]